Introduzione alla programmazione

Lezione 2

a cura di Andrea Fazzi

In questa lezione

  • Metteremo le mani in pasta!
  • Utilizzeremo un linguaggio di scripting non tipizzato
  • Faremo un po' di esperimenti con le variabili

CoffeeScript

  • E' un linguaggio di scripting
  • E' un linguaggio non tipizzato
  • E' un transcompilatore che produce codice Javascript
  • La sua sintassi prende spunto da celebri linguaggi di scripting quali Python e Ruby
  • Per saperne di più

Variabili

ovvero "ciò che rende la programmazione interessante"

Una variabile

  • E' una posizione in memoria all'interno della quale conservare un valore
  • Può essere di diversi tipi
  • Può essere letta e scritta
  • L'operazione che assegna ad una variabile un valore si dice assegnazione (assignment)

In CoffeeScript

a = 5
nome = "Gino"
pi = 3.14
oggi_piove = false
persona = {nome: Mario, cognome: Rossi}
numeri_pari = [2, 4, 6, 8, 10]

Esercizio

  • Si crei un semplice programma all'interno del quale si assegnano rispettivamente un numero intero, un numero decimale ed una stringa a tre variabili.
  • Prevedere in output tre finestre consecutive che mostrino i valori delle tre variabili.
  • Hint: Utilizzare la funzione alert(nome_variabile)

Operazioni

ovvero "facciamogli fare qualcosa a 'sto programma"

Un programma è in grado di far svolgere operazioni alla macchina

  • Operazioni su valori
  • Operazioni tra valori
  • Operazioni su variabili
  • Operazioni tra variabili

In CoffeeScript

a = 1 + 1             # a = 2
b = a + 1             # b = 3
non_vero = !true      # non_vero = false
vero = !non_vero      # vero = true

Esercizio

  • Comporre un semplice programma che effettui le quattro operazioni (+, -, *, /) tra due variabili numeriche.
  • Le due variabili devono essere inizializzate con due valori numerici a scelta.
  • Il programma deve produrre più finestre contenenti i risultati delle varie operazioni.

Introduzione alla programmazione

By Andrea Fazzi

Introduzione alla programmazione

Lezione 2

  • 427
Loading comments...

More from Andrea Fazzi