La storia sul territorio: l'esperienza dei “Sentieri della Libertà”.

Utilizzo del Cooperative Learning
nel Laboratorio di Storia

Cooperative Learning

Il Cooperative Learning (C.L.) è un metodo didattico in cui gli studenti lavorano insieme in piccoli gruppi per raggiungere obiettivi comuni, cercando di migliorare reciprocamente il loro apprendimento

DEFINIZIONE

PRESUPPOSTO TEORICO

Influenza del COSTRUTTIVISMO: il sapere non si riceve in modo passivo, ma è il risultato di una relazione tra un soggetto attivo e la realtà. La conoscenza si costruisce.

Cooperative Learning

RIFLESSIONI

  • Studi recenti dimostrano che lo sviluppo cognitivo individuale aumenta con l'interazione sociale con pari
  • Non è un metodo innovativo, ma oggi indispensabile
    • sempre più richiesto nel mondo del lavoro (problem solving, lavoro in team, capacità di lavorare per obiettivi...)
    • aumento degli strumenti digitali di condivisione
  • Vantaggi del C.L.
    • migliora i risultati degli studenti
    • migliora le relazioni tra gli studenti
    • maggior benessere psicologico (autostima, prestazioni...)

Cooperative Learning

5 ELEMENTI PER UNA COOPERAZIONE EFFICACE

  1. Interdipendenza positiva 
    Tutti devono impegnarsi per raggiungere il miglior risultato possibile
  2. Responsabilità individuale e di gruppo
    Il gruppo lavora bene se i singoli lavorano bene
  3. Interazione costruttiva
    Gli studenti devono relazionarsi in modo positivo per lavorare
  4. Abilità sociali
    I singoli devono applicare diverse abilità sociali per gestire le dinamiche di gruppo
  5. Valutazione di gruppo
    Il gruppo deve autovalutare il proprio lavoro

Cooperative Learning

PROBLEMI DA AFFRONTARE

  • Resistenza degli studenti
  • Promuovere piena partecipazione
  • Gestione dei tempi
    • proporzione tra spiegazione tradizionale e attività di C.L.
    • calcolo corretto dei tempi di lavoro
  • Formazione dei gruppi (i gruppi devono essere formati dal docente). ​
    Due attenzioni particolari:
    • livelli misti di abilità
    • evitare minoranze
  • Divisione dei ruoli nel gruppo (il docente deve guidare in questa fase)
  • Facilitare la positiva interdipendenza in modi diversi (ruoli diversi, preparazioni diverse, ...)
  • Risoluzione dei conflitti interpersonali
  • Colmare lacune contenutistiche 

Cooperative Learning

PROBLEMI DA AFFRONTARE

PER APPROFONDIRE

  • G. Chiari, Educazione interculturale e apprendimento cooperativo: teoria e pratica della educazione tra pari, Dipartimento di sociologia e ricerca sociale, Trento, 2011 (PDF)
  • www.apprendimentocooperativo.it (LINK)

Computer Supported Cooperative Learning (C.S.C.L)

Apprendimento collaborativo basato sull'utilizzo delle tecnologie digitali

DEFINIZIONE

SVILUPPO

  • Si afferma negli anni Novanta grazie a :
    • successo del CL nella scuola e nella formazione professionale
    • ingresso del PC nel mondo scolastico
    • diffusione del Web (="web statico")
    • trasformazione dell'organizzazione aziendale (da struttura gerarchica a organizzazione cellulare)
    • sviluppi nelle reti di comunicazione pubbliche e private
  • Oggi: emergenza nella scuola con la nascita del Web 2.0 

Computer Supported Cooperative Learning (C.S.C.L)

C.L. E TECNOLOGIE

3 tipologie di tecnologie che possono supportare l'attività di C.L.:

  1. SISTEMI DI COMUNICAZIONE (="condivisione delle idee")
  2. SISTEMI DI CONDIVISIONE DI RISORSE (= "condivisione di materiali")
  3. SISTEMI DI SUPPORTO A PROCESSI DI GRUPPO (="condivisione del lavoro")


PER APPROFONDIRE

A. Kaye, Una panoramica sulle idee, i metodi e gli strumenti dell'apprendimento collaborativo basato sul computer (tratto da Tecnologie Didattiche N.4 , Autunno 1994, pag. 9-21) (LINK)

Il Laboratorio di Storia

DEFINIZIONE

Metodologia di didattica della storia fondata sul protagonismo dello studente nella propria formazione

PRESUPPOSTI

  • Scopo del docente non è trasmettere la conoscenza, ma guidare lo studente nella fase di ricerca per apprendimento
  • Risultato non è solo l'acquisizione di contenuti, ma raggiungimento di competenze di ricerca e capacità di orientamento nel presente
  • Da concezione generalista/cronologica della storia come disciplina a concezione tematica

Il Laboratorio di Storia

C.L. E IL LABORATORIO DI STORIA 

  • Il C.L. è una strategia che può essere utilizzata dal docente per mettere in pratica il laboratorio
  • Non è unica metodologia, ma è quella più consigliata

APPROFONDIMENTO

Per approfondimento teorico e pratico si veda www.bibliolab.it (sezione Laboratorio di Storia) (LINK)

Esempio pratico. Il laboratorio di storia in modalità wiki su www.historialudens.it (LINK)

La collaborazione on line

In un Laboratorio di Storia che prevede applicazione del C.L. digitale si possono prevedere tre tipologie di collaborazione e condivisione:

  1. CONDIVISIONE DELLE IDEE (utilizzo dei social network, es. facebook)
  2. CONDIVISIONE DEI MATERIALI (software di condivisione es. dropbox)
  3. CONDIVISIONE DEL LAVORO (servizio web di storage e sincronizzazione online es. Google Drive)

C.L., LABORATORIO DI STORIA E STRUMENTI DIGITALI

Condivisione delle idee. Facebook

  • Possibilità di creare un gruppo della classe
    • Gerarchia all'interno del gruppo ("amministratore" e "membro")
    • Gestire gli accessi. 3 modalità: gruppo aperto, gruppo chiuso, gruppo segreto
    • Chi è iscritto al gruppo non deve per forza essere "amico" degli altri membri del gruppo 
  • Perché usare facebook:
    • scambiarsi le idee in chat o in bacheca
    • segnalare link e siti sul web al gruppo
    • organizzare eventi/scadenze
    • caricare file da condividere

USO DIDATTICO DEI SOCIAL NETWORK

Condivisione dei materiali. Dropbox

  • Condivisione di file esistenti sul pc
  • Bisogna iscriversi. Spazio disponibile all'inizio 2 G.
  • Mette a disposizione uno SPAZIO WEB e un'APPLICAZIONE scaricabile sul pc o su un altro dispositivo (tablet, smartphone)
  • 2 possibilità di lavoro:
    • caricare materiali dal sito
    • copiare file nella cartella del pc/altro device 

DEFINIZIONE

Software di archiviazione e condivisione materiali on line che offre anche un servizio di sincronizzazione automatica tramite web.

CARATTERISTICHE

Condivisione dei materiali. Dropbox

REGISTRAZIONE

USO DIDATTICO DI DROPBOX

Condivisione dei materiali. Dropbox

  • Creare una cartella condivisa (meglio on line)                                   
    • Nuova cartella (nome)
    • Condividi 
    • Modalità di condivisione:
      • modificare (unica possibile nella versione gratuita)
      • solo visualizzare
  • Archiviare file
    • Dal sito
      • Carica
      • Scegli file (dal pc)
    • Dal pc
      • copiare il file nella cartella "Dropbox"

USO DIDATTICO DI DROPBOX

Condivisione dei materiali. Dropbox

Condivisione del lavoro. Google Drive

Google Drive è un servizio web di storage e sincronizzazione online introdotto da Google nel 2012 che permette il file hosting, file sharing e editing collaborativo di documenti fino a 15 GB

DEFINIZIONE

CARATTERISTICHE

  • Bisogna avere account Google (Gmail). Max 15 G (possibilità di estensione)
  • Diversi utilizzi:
    • archiviazione
    • condivisione
    • collaborazione
  • Servizio online + applicazioni per tablet/smartphon

Condivisione del lavoro. Google Drive

APRIRE DRIVE

USO DIDATTICO DI GOOGLE DRIVE

Condivisione del lavoro. Google Drive

1. Creare una cartella di archiviazione                                                        

  • Nuovo - Cartella
  • Per condividerla: Tasto destro del mouse - Condividi                       

2. Condividere un file già esistente

  • Nuovo - Caricamento file                                                                         
  • Bisogna essere nella cartella corretta

3. Scrivere un file di gruppo (tutti gli utenti devono avere Gmail)

  • può essere condiviso
  • si possono vedere le modifiche al file
  • si può scegliere la modalità di accesso degli utenti
  • si possono inserire commenti (se non si vuole modificare il testo)

USO DIDATTICO DI GOOGLE DRIVE

Condivisione del lavoro. Google Drive

SCRITTURA COLLABORATIVA

Condivisione del lavoro. Google Drive

"Il Cooperative Learning si presenta come un metodo ideale per creare struttura cognitive di ordine superiore, spirito di gruppo e di squadra oltre che di coscienza democratica"

 

G. Chiari

 

Conclusione

UNA FRASE PER RIFLETTERE

Cooperative Learning

By Elisa Malvestito

Cooperative Learning

  • 1,660
Loading comments...

More from Elisa Malvestito