Dalle storie alla Storia

Il metodo biografico per la storia e la memoria della Resistenza

a cura di Elisa Malvestito (malveli@gmail.com)

8 settembre 1943

Inizia la Resistenza

  • Dopo l'annuncio dell'Armistizio:
    • Arrivo dei tedeschi in provincia
      • Vercelli: 11 settembre 1943
      • Biella: 14 settembre 1943
    • opera di solidarietà verso
      • gli ex prigionieri di guerra Alleati 
      • i militari italiani sbandati prigionieri dei tedeschi 
    • primi organismi che iniziano a organizzare la ribellione           
      • 2 comitati (futuri CLN) nella provincia di Vercelli:
        • Biella ("Fronte Nazionale Antifascista")
        • Varallo ("Comitato Valsesiano di Resistenza)

Due documenti

Autunno 1943

  • Nascono i primi distaccamenti partigiani                                             
  • Prime esigenze
    • organizzazione
    • approvvigionamento armi e viveri
    • apprestamento di basi in montagna
  • Prime azioni
    • assalto a caserme e presidi fascisti per recupero armi            
    • contatto con la popolazione civile per viveri

Autunno 1943

Inverno '43/'44

  • Prime azioni di guerra:
    • 2 dicembre 1943: scontro a fuoco a Varallo
    • 10 dicembre 1943: scontro a Tollegno
    • 15 dicembre 1943: sciopero generale nel Biellese e in Valsesia
  • Arrivo della Legione Tagliamento e inizio violenze vs civili:
    • 22 dicembre 1943: eccidio di Borgosesia
    • 22 dicembre 1943: eccidio di Piazza del Gallo a Biella
    • uccisioni a Crevacuore, Cossato e Valle Mosso
  • Organizzazione della Resistenza:
    • 15 gennaio 1944: nasce la 2° Brigata Garibaldi "Biella"
    • 15 febbraio 1944: nasce la 6° Brigata Garibaldi "Nello"
  • Inizio dei rastrellamenti:
    • 19 gennaio 1944: in alta Valsesia
    • 20 febbraio 1944: nel biellese

Inverno '43/'44

Primavera 1944

  • Rapida ripresa della Resistenza dopo il sanguinoso inverno:
    • condizioni climatiche favorevoli
    • affluenza di nuove reclute: la SCELTA
  • Continuano le stragi nazifasciste
    • 8 maggio 1944: imboscata a Curino
    • 17 maggio 1944: fucilazioni di Mottalciata
    • 4 giugno 1944: eccidio di Piazza Quintino Sella a Biella
  • Risposta da parte partigiana:
    • 6 aprile 1944: imboscata al Ponte della Pietà di Quarona
    • 25 maggio 1944: imboscata sulle colline della Serra

Primavera 1944

Estate 1944

  • REPUBBLICHE PARTIGIANE
    • nazifasciste abbandonano il territorio
    • alcuni territori si liberano totalmente per alcune settimane
      • Valsesia (dal 10 giugno 1944)
      • Valsessera
  • Ripresa della controffensiva nazifascista
    • 14 luglio 1944: eccidio di Alagna
  • Periodo di riorganizzazione della Resistenza
    • contatti stretti con popolazione civile
    • proliferazione dei comitati di liberazione nazionale
    • sempre più reclute
  • Inizia la fase della PIANURIZZAZIONE (pianura novarese e valle Gressoney)
  • Iniziano le missioni Alleati nell'Italia del Nord ("Balmon" + "Cherokee")

Autunno/Inverno 1944-1945

  • Gran numero di "lanci" con armi, munizioni e beni nel Biellese e in Valsesia
  • Continuano gli scontri
    • 1 febbraio 1945: battaglia di Sala Biellese
      • fronte esteso
      • minime perdite partigiane
      • grande aiuto della popolazione
  • Uso della propaganda grazie a Radio Libertà
    • vs disinformazione di Radio Baita
    • attività di informazione alla popolazione
    • fiaccare il morale di fascisti e nazisti
  • Iniziano le diserzioni di massa da lato fascista
  • Ultime stragi
    • 9 marzo 1945: eccidio di Salussola 

Autunno/Inverno 1944-1945

Primavera 1945

  • Avanzata partigiana e alleata + sconfitta della Germania = inizia la Liberazione della provincia
    • 24 aprile 1945: Biella Libera
    • 25 aprile 1945: Santhià Libera
    • 26 aprile 1945: Vercelli Libera
  • Le formazioni valsesiane liberano Novara e Milano
  • Ritirata dei tedeschi da Torino verso Milano produce danni:
    • 29/30 aprile 1945: strage di Santhià (57 morti)
  • La guerra finisce a inizio maggio nella provincia di Vercelli
    • 2 maggio 1945: a Biella viene firmata la resa del corpo tedesco e delle divisioni fasciste

Primavera 1945

Resistenza o Resistenze?

  • Resistenza vercellese -> Resistenza italiana -> Resistenza europea
  • "Il movimento di lotta popolare, politica e militare che si determinò durante la Seconda guerra mondiale (1939-45) nelle zone occupate dagli eserciti tedesco e italiano contro gli invasori esterni e contro i loro alleati interni e che a seconda dei paesi ebbe caratteristiche, finalità e anche intensità diverse" (Treccani)
  • Dubbi:
    • Resistenza Europea o Resistenze nazionali?
    • C'è stata una sola forma di Resistenza? (Vedi foto)
    • Entrarono tutti nella Resistenza per lo stesso motivo? (vedi foto)
  • Meglio parlare di RESISTENZE

Resistenza o Resistenze?

La Resistenza italiana

  • Caratteristiche della Resistenza italiana:
    • presenza di diverse anime politiche 
    • presenza di diversi ceti sociali
    • alta presenza di giovani
      • motivi anagrafici
      • motivi generazionali
    • grande partecipazione femminile (armata e non armata)
    • due modalità di Resistenza:
      • Resistenza armata
      • Resistenza civile
  • Resistenza fu dunque:
    • GUERRA DI LIBERAZIONE (contro occupazione nazista)
    • GUERRA CIVILE (tra fascisti e partigiani)
    • GUERRA DI CLASSE (contro patronato)

La Resistenza Vercellese

  • Specificità della Resistenza Vercellese
    • Resistenza armata e Resistenza civile
    • Grande collaborazione della popolazione
    • Grande contributo delle donne
    • Molte stragi contro partigiani e civili
  • METODO BIOGRAFICO + FONTI DIGITALI aiutano a ricostruire ed evidenziare queste caratteristiche
  • Quali fonti?
    • Partigianato Piemontese
    • Atlante delle stragi
    • Ultime lettere dei condannati a morte

Partigianato Piemontese

  • Sito: http://intranet.istoreto.it/partigianato/
  • Ricerca condotta da Istituti della Resistenza piemontesi + Ministero della Difesa
  • Scopo: banca dati sui partigiani che hanno partecipato alla Resistenza Piemontese
  • Fonte archivistica: Ufficio Riconpart
  • 108.000 nominativi circa
  • Per ogni scheda:
    • DATI ANAGRAFICI (analisi generazionale, di genere, territoriale e sociale)
    • FORZE ARMATE (tema della scelta)
    • ADESIONE ALLA RSI (tema della scelta)
    • ATTIVITA' PARTIGIANA (nome battaglia, qualifica, formazione, ferimento/morte)
  • Es.: MARIO CANOVA

Atlante delle Stragi

  • Sito: www.straginazifasciste.it
  • Progetto a cura di INSMLI e ANPI sulle stragi nazifasciste contro i civili in Italia tra 1943 e 1945
  • Ricerca su tre tipologie di fondi archivistici (Archivio Ufficio storico dello Stato Maggiore dell'Esercito + Archivio storico dei Carabinieri; Registro delle denunce per crimini di guerra; Tribunali Militari)
  • 5000 episodi circa (vedi MAPPA COMPLETA)
  • Per ogni episodio:
    • DESCRIZIONE
    • VITTIME (vedi collegamento con Partigianato)
    • RESPONSABILI
    • MEMORIA
    • STRUMENTI
  • Esempio: Eccidio di Borgosesia del 22/12/1943

Ultime lettere dei condannati

  • Sito: http://www.ultimelettere.it/
  • Ricerca condotta da INSMLI con finanziamento del Ministero dell'Istruzione
  • Scopo: banca dati sulle ultime lettere di condannati a morte e deportati italiani
  • Fonte archivistica: fondo donato da Piero Malvezzi e Mimmo Franzinelli per la ricerca confluita nel libro edito da Einaudi
  • 704 lettere tra 1941 e 1945 + 50 testamenti spirituali
  • Ricerca: NOME, LUOGO NASCITA, LUOGO DI MORTE, FORMAZIONI RESISTENZA, ARCO TEMPORALE, ELENCO GENERALE
  • 2 settori: BIOGRAFIE e LETTERE
  • Struttura della biografia
  • Esempio: morti in provincia di Vercelli

Laboratorio

  • A partire dalla consultazione e analisi delle informazioni contenute nelle banche dati presentate, provate a ricostruire la storia di uno o più protagonisti della lotta di Liberazione nella provincia di Vercelli.
  • Per completare consultate anche: Archos
  • Ricerca anche su Google
  • Tempo a disposizione: 30 minuti
  • Al termine condivisione con la classe

Dalle storie alla Storia

By Elisa Malvestito

Dalle storie alla Storia

  • 1,246
Loading comments...

More from Elisa Malvestito